Pubblicato in: Cultura Alternativa

Khalil Gibran – Il Profeta –


E così l’amico jitama mi è venuto in aiuto rispondendo alla mia precedente domanda…
 

 

Allora un giudice della città si fece avanti e disse: parlaci della colpa e del castigo.

Ed egli rispose dicendo: quando lo Spirito vaga nel vento, soli ed indifesi, fate torto agli altri e perciò anche a voi stessi. E per questa colpa commessa dovrete battere, inascoltati, alla porta dei beati. Il vostro IO divino è come il Sole. Ignora le vie della talpa e non cerca le tane del serpente. Ma in voi non dimora soltanto l’ IO divino. Molto in voi è ancora uomo e molto in voi non è ancora uomo. Ma un informe pigmeo che cammina addormentato nella nebbia cercando il proprio risveglio.ed è l’uomo in voi che vorrei ora parlare. Perché è lui e non il vostro IO divino, né il pigmeo nella nebbia che conosce la colpa e il castigo. Sovente vi ho udito dire di chi commette un torto che non è uno di voi, ma un estraneo, un intruso nel vostro mondo. Ma io vi dico che anche il santo ed il giusto non possono innalzarsi al di sopra di voi. Così il malvagio ed il debole non potranno cadere più in basso di quanto è di più basso in voi. E come una singola foglia non ingiallisce senza la muta consapevolezza dell’intera pianta, così il malvagio no puo essere tale se non con il volere celato di voi tutti. Come in processione camminate verso il vostro IO divino voi siete la via ed i viandanti. E quando cade uno di voi, egli cade per quelli che lo seguono e li mette in guardia con il suo inciampare. Ahimè, egli cade per chi gli sta davanti che più veloci e con il piede più sicuro non hanno rimosso l’intralcio.

Ed anche questo vi dirò, benchè la parola vi pesi sui cuori:

L’assassinato non è senza responsabilità del proprio assassinio.

Ed il derubato non è senza colpa per il furto che ha subito.ed il giusto non è innocente delle azioni del malvagio.

E chi ha le mani candide non è immune dalle azioni del criminale.

Si, il colpevole è spesso vittima dell’offeso.

Ed ancora più spesso il condannato regge il fardello di chi è privo di colpa e di biasimo.

Voi non potete separare il giusto dall’ingiusto ed il buono dal malvagio. Poiché essi stanno insieme al cospetto del Sole, come il filo nero ed il filo bianco fossero intessuti insieme, e quando il filo nero si spezza, il tessitore rivedrà l’intera tela, e dovrà esaminare anche il telaio.

Se qualcuno di voi volesse portare in giudizio una consorte infedele, pesi sulla bilancia anche il cuore del marito e ne misuri l’anima con le giuste misure.

E chi volesse frustare l’offensore scruti lo spirito dell’offeso.

E se qualcuno di voi volesse, in nome della giustizia, abbattere con la scure l’albero guasto, ne osservi le radici. Ed in verità scoprirà le radici del bene e del male, quelle feconde e quelle sterili, tutte insieme intrecciate nel cuore silenzioso della terra. E voi, giudici che desiderate essere giusti, che giudizio pronunciate su chi, benché onesto nella carne, è ladro nello spirito? Che pena infliggete a chi uccide nella carne ma è egli stesso ucciso nello spirito? E come condannate colui che con gli atti inganna ed opprime? Eppure è egli stesso afflitto ed oltraggiato? E come punirete quelli il cui rimorso è già più grande dei loro misfatti? Il rimorso non è forse la giustizia amministrata proprio da quella legge che vorreste volentieri servire? Ma non potete imporre il rimorso ad un innocente, né strapparlo dal cuore del colpevole. Inaspettato, esso chiamerà nella notte affinché gli uomini si sveglino e scrutino se stessi.

E voi che vorreste capire la giustizia, come potrete farlo se non esaminate ogni fatto nella pienezza della luce? Solo così saprete che l’eretto ed il caduto solo un solo uomo che sta nel crepuscolo tra la note del suo IO pigmeo ed il giorno del suo IO divino!

La pietra angolare del tempio non è più alta della pietra più bassa delle sue fondamenta.

Pubblicato in: Notizie e politica

e ancora sassaiole…


                   ma dove andremo a finire?

L’assassino del piccolo Tommaso se ne andava in giro, immune…e lavorava pure…dopo aver violentato una sedicenne invalida…e commette un attentato ancor più truce e inumano…
Mentre c’è ancora il solito balordo che si diverte a giocare al tiro a segno…ma non nei parchi giochi…nossignore…i tiri dal cavalcavia sono più stimolanti…vuoi mettere? E così ecco qua l’ennesima notizia ANSA…
"(ANSA) – BRESCIA, 2 APR – Un automobilista di 25 anni e’ ricoverato in gravissime condizioni a Brescia, dopo essere stato colpito da un sasso lanciato dall’alto . E’ accaduto alle 4 a Pian Camuno, in Val Camonica. Non e’ stato l’unico episodio del genere: mezz’ora piu’ tardi, nello stesso comune, e’ stata colpita un’altra auto mentre, verso le 6, un altro sasso ha raggiunto un’auto che transitava a Pisogne, sempre in Val Camonica."
 
Già viviamo barricati in casa, con le sbarre alle finestre, prigionieri nelle nostre abitazioni…
mentre i delinquenti se ne vanno in giro impunemente a commettere omicidi ed aberrazioni…
Or la paura di circolare in macchina ed andartene in giro in questa nostra Italia…
Un vecchio detto medioevale diceva che " il peggior passo è quello dell’uscio"…
Viviamo nel terzo millennio…siamo arrivati su Marte…ma…
 
I giudici…la Giustizia…la Legge…dove stanno?
Pubblicato in: Riflessioni personali

Morto


Morto…
ucciso dalla bramosia e dalla cupidigia… Intanto era stato sbattuto il mostro in prima pagina…
Sovente, ripensando all’accusa di pedofilia mossa nei confronti del papà di Tommaso, mi era venuta in mente la vicenda di un altro padre. Un agrigentino se ricordo bene, che aveva accompagnato la figlia di due anni in ospedale con problemi di perdite di sangue anali…Era stato subito accusato di averne abusato. Vivevano al nord per lavoro, emigrati da una terra che non offre, ahimé lavoro… Se ne tornarono al loro paese di origine dopo le accuse…i diti puntati contro… per scoprira che la bambina aveva un tumore all’ano…La bimba è morta… Chi ripagherà la famiglia non dico del dolore per la perdita…ma per le maldicenze di cui sono state fatte vittime?
La calunnia, diceva qualcuno tempo fa, è un venticello…soffia leggero ma sconvolge tutto…
Or Tommaso è morto…
Vittima innocente…
Perché a pagare sono sempre gli indifesi?
 
Queste notizie mi fanno passare la voglia di vivere!!!!!