Pubblicato in: Riflessioni personali

Morire a 20 anni…


Uno studente universitario di Caserta, Andrea Alessandrini, di 19 anni, appartenente ad una famiglia che per anni ha gestito alcuni bar ed è impegnata attualmente nella produzione di prodotti dolciari nella zona industriale, è morto nel pomeriggio in un incidente stradale accaduto in via degli Atleti, a poca distanza dalla piscina provinciale e dalla sede della Sezione della Polizia Stradale. Il giovane, che era in sella ad una moto di grossa cilindrata, è sbandato, sbalzato dal mezzo e ha urtato violentemente contro il muro di cinta di un fabbricato. Andrea Alessandrini è morto sul colpo per gravi lesioni al capo ed al bacino.(27 maggio 2006-20:20)

Questa notizia l’ho prelevata da internet… una delle tante a cui  la cronaca cittadina, nazionale ed internazionale ci ha ormai da tempo abituati. Una di quelle notizie che appaiono soltanto con un trafiletto in terza o quarta pagina, tra le notizie locali per intenderci, tanto ormai non fa più "notizia" non tira la vendita dei giornali, abituati come siamo alla quotidianità leggiamo distrattamente un articolo così.

Alla fine chi lo conosceva? Non era certo un familiare!… un’ altra testa calda in meno … questi di solito i commenti a queste notizie didascaliche…

Anch’io come tanti ho riservato a questa lettura solo un superficiale pensiero fino a….ieri…

Si… fino a ieri, quando nel rientrare a casa, a 50 mt, non ho visto al suolo un lenzuolo bianco su cui spiccava, abbagliato dalla luce del sole a quell’ora del giorno [erano le 14.00 ora legale] le rosse macchie di sangue. Il drappeggio ne lasciava intuire la forma che ricopriva…

Ira… rabbia… tristezza e poi… dolore. Un gran dolore che ti squarcia il cuore e che ti fa gridare :

<<Come si può, così stupidamente, morire a vent’anni?>>

 

Per dovere di cronaca, tengo a precisare che il muro di cinta non è quello di un fabbricato ma di una delle caserme che si trovano a Caserta, l’episodio è successo all’uscirta da Scuola dei ragazzi dell’Istituto per geometri che erano ancora lì… inebetiti quando io sono passata con la mia macchina… Senz’altro quanti hanno assistito non potranno non trarre in cuor loro le giuste riflessioni… a lui io dico…

…Sii felice ovunque ti trovi…

Autore:

Parlo già troppo qui sul web....

4 pensieri riguardo “Morire a 20 anni…

  1. Ci chiediamo spesso che il dentino siamo noi o se il destino e’ scritto in quelle pagine che non
    possiamo leggere.
    Ma tutto e’ possibile, volere e’ potere, si penso che il destino si possa cambiare
    Un sorriso per la settimana, ti vedo sempre a scuolaaaaaaaaa
    Fantastica
     
    Liu Jo

  2. Io dico di solito che non ho paura di morire perchè ho le mie convinzioni sul "dopo" e spero di mantenermi sulla strada che ho intrapreso.
    ma se dovessi morire domani…
    Il pensiero mi appare triste solo per quello che lascio, cioè una vita che amo, tra persone che amo.
    E’ un problemone… specie per chi resta…
    e anche io mi fermo a pensare alle morti violente che sono diventate così "normali" ma che non lo dovrebbero essere…
    ora pensa però che grazie al tuo intervento quel ragazzo ha avuto un po’ di pensieri in più rivolti a lui…
    nabbraccio.

  3. Era il migliore Andrea…Grazie per i bei pensieri che hai scritto.E a lui… Un grande abbraccio come quelli che ci siamo sempre dati.Andri vive

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...