Pubblicato in: Così per scrivere...

Mitico De Andre


La chiamavano bocca di rosa

metteva l’amore, metteva l’amore,

la chiamavano bocca di rosa

metteva l’amore sopra ogni cosa.

Appena scese alla stazione

nel paesino di Sant’Ilario

tutti si accorsero con uno sguardo

che non si trattava di un missionario.

C’è chi l’amore lo fa per noia

chi se lo sceglie per professione

bocca di rosa né l’uno né l’altro

lei lo faceva per passione.

Ma la passione spesso conduce

a soddisfare le proprie voglie

senza indagare se il concupito

ha il cuore libero oppure ha moglie.

E fu così che da un giorno all’altro

bocca di rosa si tirò addosso

l’ira funesta delle cagnette

a cui aveva sottratto l’osso.

Ma le comari di un paesino

non brillano certo in iniziativa

le contromisure fino a quel punto

si limitavano all’invettiva.

Si sa che la gente dà buoni consigli

sentendosi come Gesù nel tempio,

si sa che la gente dà buoni consigli

se non può più dare cattivo esempio.

Così una vecchia mai stata moglie

senza mai figli, senza più voglie,

si prese la briga e di certo il gusto

di dare a tutte il consiglio giusto.

E rivolgendosi alle cornute

le apostrofò con parole argute:

"il furto d’amore sarà punito-

disse- dall’ordine costituito".

E quelle andarono dal commissario

e dissero senza parafrasare:

"quella schifosa ha già troppi clienti

più di un consorzio alimentare".

E arrivarono quattro gendarmi

con i pennacchi con i pennacchi

e arrivarono quattro gendarmi

con i pennacchi e con le armi.

Il cuore tenero non è una dote

di cui sian colmi i carabinieri

ma quella volta a prendere il treno

l’accompagnarono malvolentieri.

Alla stazione c’erano tutti

dal commissario al sagrestano

alla stazione c’erano tutti

con gli occhi rossi e il cappello in mano,

a salutare chi per un poco

senza pretese, senza pretese,

a salutare chi per un poco

portò l’amore nel paese.

C’era un cartello giallo

con una scritta nera

diceva "Addio bocca di rosa

con te se ne parte la primavera".

Ma una notizia un po’ originale

non ha bisogno di alcun giornale

come una freccia dall’arco scocca

vola veloce di bocca in bocca.

E alla stazione successiva

molta più gente di quando partiva

chi mandò un bacio, chi gettò un fiore

chi si prenota per due ore.

Persino il parroco che non disprezza

fra un miserere e un’estrema unzione

il bene effimero della bellezza

la vuole accanto in processione.

E con la Vergine in prima fila

e bocca di rosa poco lontano

si porta a spasso per il paese

l’amore sacro e l’amor profano.

L’ennesimo scandalo. L’ennesimo uomo politico nell’occhio del ciclone.  Piero Marrazzo, giornalista che avevo conosciuto ed apprezzato invischiato in una vicenda dai risvolti davvero sconcertanti. Ma non so cosa mi sconcerta di più, cioé se sia il fatto che è andato con un transessuale o che invece abbia mentito alla società. Se fosse stato un uomo libero molto probabilmente non ci sarebbe stato nulla su cui recriminare. Ognuno nella sua libertà di coscienza è libero di seguire il proprio impulso sessuale ma dal momento che il medesimo è sposato e padre, beh… la cosa mi lascia davvero perplessa. Le corna sono sempre corna, sia che si facciano in un rapporto etero che omo-sessuale che anche sulle corna ho i miei dubbi e le mie perplessità. Per questo all’inizio di questo post ho inserito il testo di "Bocca di rosa" del celeberrimo e mitico Fabrizio De Andre. Molto probabilmente da nostalgica figlia dei fiori, forse perché quel movimento non l’ho vissuto in prima persona ma è arrivato alle mie orecchie di ragazza in maniera molto più soft, ho davvero nostalgia di quegli ideali dove l’amore non veniva confinato dentro i rigidi moralismi di una società piccolo borghese. Le convenzioni hanno portato a istituire leggi morali che non sempre sono stati, a mio modesto parere, emblemi di Verità anche se si sono posti come tali.
Io sono contro qualsiasi forma di sfruttamento e in coerenza con questo mio pensiero non ho mai appoggiato l’istituzione della prostituzione, come scambio merci o favori.
Questo mestiere antico come il mondo non si riesce a debellare perchè, sempre a mio parere, ci sta gente che lo alimenta e lì dove c’è commercio e circolazione di denaro ditemi chi è quell’uomo così fesso da dire: No, grazie…
So di essere un po’ don Chisciotte, specialmente di questi tempi in cui la fame e la disoccupazione hanno toccato vette così alte, ma io sogno. Sogno la rivoluzione delle donne e non solo di quelle che si ribellano ai loro protettori ma di tutte quelle altre, che costituiscono il commercio sotterraneo,  donne sposate e non, che si prostituiscono in casa o in alberghi di lusso, affinché pongano fine a questo uso del loro corpo. So che è difficile parlare loro di dignità, che la sete di denaro e di possesso di beni materiali è alla base del loro commercio e che usano la debolezza del maschio con spudoratezza. Signore, fatelo per amore, solo per amore se ne siete capaci, ma non alimentate il più lurido dei commerci. E lo dico soprattutto alla nuova generazione così affascinata di gossip (vedete le donnine di Tarantini che frequentavano Palazzo Grazioli e che passeggiavano nude o sulle gambe di papi a Villa Certosa e con lui prendevano gli aerei di stato, immagino quanto si sentivano appagate da tutte quelle attenzioni, pure se a dedicarle a loro era uno che per età poteva esser loro nonno)…
Mentre non posso non quotare quanto una internauta (Alice Bit….) ha scritto a commento del mio post sul giornalismo: Siamo un paese putrido, incancrenito e sguazziamo, e ci troviamo bene a sguazzare, solo nel letamaio. Dal più piccolo al più grande viviamo tutti in un sistema marcio e nulla facciamo per modificarci, prima noi. Perché, qualunque cambiamento passa prima dall’io personale e poi si riflette sulla società che ci circonda.

Autore:

Parlo già troppo qui sul web....

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...