Pensieri di prima mattina


La notte porta consiglio, recita un vecchio saggio. Probabilmente la notte oltre ai consigli ti porta altre conoscenze. Nonostante il buio, squarcia la tua mente con altra luce, altre visioni, e ci si sveglia la mattina con grandi o piccole riflessioni.

Quella mia, di questa mattina, ha a che vedere con questo Governo… Come oltretutto mi accade da un po’ di tempo a questa parte. La cosa che da due anni a questa parte vado trovando singolare, come la nota stonata di un violinista in un’orchestra, come quel tassello di puzzle che chissà dove è finito… è il fatto che, nonostante i ripetuti scioperi, le ripetute contestazioni da parte della società civile, della scuola in particolare, cada tutto nel vuoto dei palazzi. La piccola grande incompetente della Gelmini è lasciata da sola a fronteggiare una situazione di cui nemmeno lei ne conosce la portata e che fa?  Liquida il tutto dicendo sempre le stesse cose. Che sono i soliti slogan vecchi e di partito. Come se davvero a manifestare contro la politica dei tagli fossero solo i “comunisti”. Certo non ci saranno leghisti in quel mucchio di gente esautorata da questo comportamento antidemocratico, visto che tra i leghisti credo che ci siano pochissimi docenti. Quelli intelligenti e brutti sono tutti di sinistra. Quelli belli e sfaticati militano nel PDL e magari sperano in qualche poltorna dirigenziale, se già non la occupano a titolo del tutto “personale” e ben pochi per meritocrazia. Mentre i giovani e gli studenti sulla cui pelle si sta consumando la più becera politica sono stati plagiati dagli sporchi comunisti, dipietristi e dallo sporco sindacato FIOM-CGIL.  Perché le altre sigle sindacali sembrano sparite.

Quello che mi lascia sconcertata è il silenzio del premierino e di Tremonti in tutto questo. La scuola è ormai davvero uno schifo e questi cosa fanno? Si preoccupano solo di passare la cera a casa loro. Come se l’Italia fosse fatta solo delle 4 province del nord. Un piccolo sultanato con sede ad Arcore… (Sede ignominiosamente sottratta ad una minorenne… come solo i ladri sanno fare… vero Previti?)

Domanda mattutina: Si può chiamare quello che è rimasto del nostro paese, dopo il passaggio dei vandali, un paese democratico?

Il popolo ha fame e sete di qualità, di efficienza, ma soprattutto di conoscenza e di lavoro mentre dallo stato non riceve nessuna risposta.

Il popolo se la canta e se la suona. Lo stato mangia, fotte e batte cassa…

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...