Chi la fa l’aspetti…


15Andarono intanto a Gerusalemme. Ed entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano e comperavano nel tempio; rovesciò i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe 16e non permetteva che si portassero cose attraverso il tempio. 17Ed insegnava loro dicendo: “Non sta forse scritto:

La mia casa sarà chiamata
casa di preghiera per tutte le genti?

Voi invece ne avete fatto una spelonca di ladri!“.

18L’udirono i sommi sacerdoti e gli scribi e cercavano il modo di farlo morire. Avevano infatti paura di lui, perché tutto il popolo era ammirato del suo insegnamento. [Vangelo di Marco, cap.11]

Poco fa, intenta ai fornelli, mi è tornato alla mente questo episodio della vita di Gesù… ma non per riferirlo alla Chiesa, che quella si sa ormai è solo postribolo da secoli (salvo qualche accezione “illuminata”) ma alla situazione in cui versa la nostra politica da molto tempo ormai. Leggevo il commento di Marina Berlusconi alla lettura della sentenza sul lodo Mondadori, un commento non isolato, ma sostenuto ed avvallato da tutti quanti sono schierati dalla parte DEI BELUSCONI: E’ una sentenza politica.

Io dico, forse, forse hai ragione. Se così è, perché si è arrivati a questo punto?

La signora Marina farebbe bene a farsi un bell’esame di coscienza. Così come suo padre. Così come tutti quelli che ruotano intorno al pianeta del Biscione. Se il berlusca si fosse fatto i fatti suoi, intrallazzando come aveva sempre fatto ed arricchendosi illecitamente senza voler fare il Protagonista, il Salvatore del Paese dai comunisti, forse … dico.. forse noi italiani non avremmo subito anni ed anni di inondazioni di acqua sporca.

Se il Berlusca non scendeva in piazza probabilmente oggi questa sentenza non sarebbe stata una sentenza “politica” come indebitamente la vogliono chiamare. Ma sarebbe stata una sentenza giusta per restituire il mal tolto e risarcire la parte lesa (forse sarà anche eccessiva… non sta a me dirlo, per questo ci stanno gli economisti e gli ingegneri gestionli).

Se Berlusconi avesse tenuto i suoi affari “sporchi e/o puliti”) FUORI DALLA POLITICA  oggi la sentenza sarebbe stata solo una “Sentenza di Legge”. Ma lui non poteva permettersi di lasciare il suo lavoro a Milano, no. Lui a Roma c’è andato proprio per sistemare meglio le sue attività. Ha rivoltato la concezione della politica, l’ha assogettata ai suoi interessi personali e per fare questo non ha guardato in faccia niente e nessuno. Si è servito di tutto e di tutti… Proprio come un altro suo compaesano: Mussolini.

Adesso, in sintonia con la saggezza del popolo dico:  Chi è causa del suo mal pianga se stesso….

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...