Esiste in Italia il bi-polarismo?


 Le ultime elezioni in Emilia Romagna e in Calabria hanno evidenziato con tragica crudezza lo stato di salute degli italiani. Stanchi, talmente stanchi, da non aver avuto nemmeno la voglia di recarsi alle urne a votare. Di far uscire un nome degno che li possa rappresentare. Va detto, a onor del vero, che non conosco i “vincitori”, quindi non posso giudicare né la loro persona né la loro competenza in materia riguardo alla funzione che andranno a ricoprire. Questa abulia da personaggio verghiano la ritrovo a scuola. Proprio ieri, nel sostenere con grande veemenza e con molto calore le ragioni dello sciopero del 12 p.v. mi sono sentita dire da molti, scrollando le spalle: – A che serve? Quanti ne abbiamo fatti? L’unica cosa che abbiamo ottenuto è stata quella di perdere 100,00 euro. Ecco, l’italiano ormai è talmente stanco e sfiduciato in ogni azione che uno voglia intentare, che preferiscono mettersi da parte e stare a guardare. Salvo poi continuare a lamentarsi.
Detto questo la mia attenzione si è ri-svegliata nel leggere il post che ho copia-incollato scritto da Alberto Forchielli.file1303200151_29r4w300h283-articlephoto-
E torno, mio malgrado, ad occuparmi di Lui. Il nostro esperto economista, amante di geopolitica, super “curriculato” Alberto Forchielli, perché, come diceva il bravissimo Trilussa: – QUANNO CE VÒ, CE VÒ!

Quello che apprezzo nelle persone che si occupano di politica non sono i proclami con cui certa gente si mette in mostra per ottenere consenso promettendo chissà quale paradiso in terra, guidati il più delle volte da mancanza di obiettività e di un sereno giudizio critico, ma la capacità che hanno di essere pragmatici. E’ una dote che ho sempre riconosciuto ad Alberto Forchielli il quale, ancora una volta, non smentisce la mia opinione su di Lui.

Mi piace ciò che scrive, quello che dice in questo articolo. Sono d’accordissimo con lui. E’ necessario eliminare i rami morti, gli innesti sterili che oltre a non produrre assorbono risorse sottraendoli ai nuovi germogli. Non so se Renzi si stia muovendo in tal senso, ultimamente sono diventata repellente verso la politica italiana, visto che non succede mai nulla. Gli stessi discorsi che leggo in giro per il web o sento, sporadicamente in TV, sono roba trita e ritrita. Si riciclano anche le battute che la sinistra faceva alla destra . Ed a proposito di destra senz’altro Renzi sconterà con la Storia questo suo amalgama da ornitorinco, intanto mi chiedo se avrà mai il coraggio di recidere quello che suggerisce Alberto, il quale  fa un’ acuta osservazione lì dove dice:
– I paradisi fiscali nascono grazie all’esistenza degli “inferni fiscali”. –  Richiamandomi in mente quanto asseriva un filosofo secoli fa: – Noi non avremmo un’idea del Male se non avessimo un’idea di Bene. Nel senso che un concetto esiste nel momento in cui esiste anche il suo contrario. Concludo dicendo che mi è piaciuto moltissimo anche l’incipit del pezzo:
– Nelle situazioni di crisi, soprattutto lunghe e particolarmente dolorose,  come quella Italiana la rabbia dirompente per le ingiustizie che subiamo o che vediamo perpetrare a danni di altri spesso fa sì che sia la parte peggiore di noi stessi a ragionare ed agire. Questo in ogni ambito e, generalmente, in ogni cultura o impostazione culturale che dir si voglia. E spesso ci si lascia guidare, sia al voto che nella vita quotidiana, dall’istinto del momento come chi, dopo un litigio di grande portata, si trova a dover fare una scelta importante.
Solo una curiosità: – Sarà giusta la scelta che si compie? -”

Alberto Forchielli

Alberto Forchielli, Amministratore Delegato, Presidente e Consigliere di Amministrazione di Medie Imprese Italiane-Esperto nello sviluppo di affari internazionali, in particolare in Cina e in India.

“La Trappola del pensiero Bipolare #1″ *

Nelle situazioni di crisi, soprattutto lunghe e particolarmente dolore, come quella Italiana la rabbia dirompente per le ingiustizie che subiamo o che vediamo perpetrare a danni di altri spesso fa sì che sia la parte peggiore di noi stessi a ragionare ed agire. Questo in ogni ambito e, generalmente, in ogni cultura o impostazione culturale che dir si voglia. E spesso ci si lascia guidare, sia al voto che nella vita quotidiana, dall’istinto del momento come chi, dopo un litigio di grande portata, si trova a dover fare una scelta importante.
A livello macro, viaggiando molto ma anche confrontandomi spesso con tantissime persone di diversa estrazione è chiaro come il gioco delle prospettive influenzi il risultato finale.
I paradisi fiscali nascono grazie all’esistenza degli “inferni fiscali”. Alcuni di questi vivono e prosperano però non solo di minori tasse ma anche, per ricordarne alcuni, di minore burocrazia, minori costi di gestione, tempi più veloci nella risoluzione delle dispute.
Il cambio di passo è smettere di pensare secondo un modello binario, giusto o sbagliato, dove ineluttabilmente non ci sarà alcun accordo ma solo due fazioni che si combattono a furor di ideologie ma invece pensare che l’essenza dei paradisi fiscali risiede nell’incapacità dei Paesi di origine di creare delle condizioni migliori. Se la leva fiscale è complessa da toccare nel breve termine iniziamo invece a ridurre burocrazia, snellire pratiche, velocizzare e rendere certa la giustizia. Iniziamo a crescere e fare quanto dobbiamo per migliorare tutti gli indici di efficienza interni ed esterni.
La situazione in cui versiamo è cronica. L’abbiamo cronicizzata non curandola quando era il tempo di farlo e non accorgendosi che ogni malanno, curato male o affatto, non può far altro che peggiorare. Ora non possiamo far altro che iniziare a curarci, giorno dopo giorno, con le giuste ricette e i giusti rimedi e controllare, giorno dopo giorno, l’evolversi della situazione.
In concreto siamo nella foresta che una volta chiamavamo casa. Non importa da dove si inizi perché la situazione è talmente degradata che qualunque azione è meglio di non far nulla.
Una prima idea? Iniziamo a sfoltire la piantagione di tutte quelle partecipate pubbliche che forniscono servizi che nulla hanno a che fare con le amministrazioni o lo stato e tutte quelle che sono cronicamente in perdita. E i risparmi si investano in semplificazione, digitalizzazione e efficienza.”-

* Qui il pezzo originale: https://www.facebook.com/albertoforchielli/posts/578480792252347

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...