Pubblicato in: La Scuola vista da me, Scuola, Società e Costume

Sentor di “cimici”


cimici elettronicheSo di essere imperfetta né ho mai avuto la presunzione di dire che so tutto io… Nella mia imperfezione amo andare a fondo delle cose. Specialmente quando i “sentito dire” sono tanti e si moltiplicano a dismisura. A quel punto saluto il portiere e mi reco direttamente nella stanza della “Dirigenza”… Così ho fatto ieri quando a spese mie, che non mi verranno rimborsate perché NOI non “produciamo capitale”, in compenso lo alimentiamo, ho chiamato l’INVALSI e una dipendente molto gentilmente e con tanta pazienza ha risposto alle mie domande ed ha chiarito le mie perplessità.
Alla fine ho scoperto qualcosa, qualcosa già la sapevo, qualcun altra la intuivo ma una è stato davvero “quasi” sensazionale.
Sapevo già, ad esempio, che gli alunni per i ricercatori dell’INVALSI sono solo “numeri”. Non sapevo che quei numeri, chiamati “codice SIDI”, vengono assegnati ad ogni alunno al momento della sua iscrizione nel sistema scolatico nazionale e che quel numero servirà ad identificarlo e rintracciarlo in tutto il suo iter scolastico, fino all’Università, dove diventerà il suo numero di matricola.
Ho saputo che la mia interlocutrice è “precaria” da ben 25 anni e questo ha fatto si che si creasse un clima di “simpatia” tra noi, oltre al fatto che per tutta la durata della conversazione Lei ha continuato a chiamarmi “Dottoressa”. Mi dispiaceva dirLe che stava prendendo un granchio… ma il dialogo è stato illuminante e “costruttivo” perché mi ha confermato quello che già sapevo. Le ore in più li deve pagare il Dirigente Scolastico. Come del resto mi diceva il mio contatto della CGIL.
Egregi colleghi, nel primo consiglio targato “a.s. 2015/2016” mettete bene in chiaro che le correzioni delle prove INVALSI “devono” essere retribuite… Come, è un problema del Manager e del Consiglio d’Istituto al momento della “concertazione”…
In bocca al lupo e… Italiani, prima di entrare nel vostro bagno privato controllate che non ci siano telecamere o microfoni: le cimici per intenderci.