Epifania


andrea-mantegna-l-adorazione-dei-magi

Andrea Mantegna

Epifania, ovvero la Manifestazione della presenza divina… Agli albori del cristianesimo i riti “pagani” vengono assorbiti dalla nuova religione, un modo per conciliare vecchio e nuovo senza urtare le loro credenze negli dei. La nuova predicazione si innesta senza estirpare del tutto le antiche convinzioni e lo fa non solo mantenendo riti e feste ma, anche, trasformando i templi in chiese. Resta un punto fermo, il concetto di “Epifania” o meglio di “Manifestazione”… L’uomo, dall’oriente all’occidente, depone la corona dell’arroganza e con umiltà si inchina al

adorazione_magi_leonardo

Leonardo

“divino” o meglio al senso del divino, accogliendolo e deponendo ai suoi piedi il simbolo primo della materialità: l’oro. L’ incenso, con le sue proprietà antimicrobiche (conosciute fin dall’antichità, per questo ad esempio veniva usato nelle chiese per “purificare l’aria” ed evitare contagi) è il simbolo della “purificazione” di quel divino che risiede dentro ciascuno di noi e che il materialismo e l’ingordigia tengono a bada. La mirra rappresenta la parte sovrumana dell’anima, il riconoscimento di un potere superiore a noi e che ha la capacità di mettere insieme l’umano e il divino, il corpo e l’anima. Ripercorrere, nell’arco dei 365 giorni,  i riti che si tramandano da generazioni, pur con i cambiamenti dovuti alla “modernità”, non è altro che il modo di mantenere viva quella spiritualità che c’è dentro ciascuno di noi. L’anima del commercio sembra sovrastare, prevaricare, sulla spiritualità. Chi non è sordo non può fare a meno di sentire l’afflato del cuore e se si ferma ad ammirare le grandi rapppresentazioni fatte dai maestri dell’arte iconica, non può rimanere impassibile e il cuore ha un sussulto…Botticelli,_adorazione_dei_magi_uffizi.jpg
Nulla più dell’Arte avvicina l’uomo a Dio e di questo ne è ben conscio anche Maslow che al vertice della sua piramide mette proprio l’Arte…

giotto

Giotto

Come qualcuno ha scritto: “i simboli superano nella loro semplicità ed efficiente comunicabilità tutte quelle differenze che rendono l’ecumenismo un miraggio, e nella loro universalità annullano le differenze fra religioni e razze abbattendo confini e culture in un universo denso di significato ma privo di spazio e tempo”.

«Il fuoco si leva in forme gioiose dalla culla oscura, in cui dormiva, e la sua fiamma si innalza e ricade e nuovamente erompe e si avvolge festosa, finché la sua materia è consunta, e allora fuma e lotta e si spegne: ciò che rimane è cenere.»

(Friedrich Hölderlin)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...