Istituti Tecnici vs Licei


ITINel condividere un articolo del Sole 24Ore, stamane, una mia carissima amica, nonché Preside di un ITIS, mi segnalava quest’altro articolo pubblicato su Orizzonte Scuola e devo dire che la notizia mi demoralizza moltissimo. Da un lato i giovani si lamentano che non trovano lavoro, dall’altro emigrano portando le loro braccia e le loro menti altrove.

Chiedevo alla mia amica quale fosse il motivo che tiene lontani i ragazzi dagli Istituti Tecnici Professionali, e mi chiedevo, molto semplicisticamente, se la cosa fosse dovuta al fatto che si è soliti pensare che chi esce da un ITI è solo un operaio tecnico specializzato, quindi uno che deve rimboccarsi le maniche e farsi i calli se vuole lavorare, o cosa… 05
Alla mia domanda è seguito un intervento davvero interessante ed illuminante, una testimonianza vera e diretta di chi invece non ha avuto alcuna reticenza a prendersi un diploma tecnico. La sua testimonianza è così incredibilmente bella che mi piacerebbe avesse maggiore diffusione. La riporto qui per intero:
“Nessuno tiene lontano gli studenti dagli istituti tecnici, sono consigliati male, semplicemente si è sempre creduto erroneamente che ITI era sinonimo di non far nulla e quindi i genitori che avevano una formazione classica e da lice scientifico li hanno dirottati sempre in quella direzione! Vuole un esempio…persone a me vicine laureate in farmacia o biologia non sapevano neppure l’esistenza del perito chimico, tecnico alimentare o il più recente indirizzo biomedico, quando si sono iscritte a scuola 10 anni fa! Oggi mi sento dire “Giuseppe quante cose hai studiato all’istituto!!”. Ehh infatti! Chimica, Diritto, Fisica, Biologia, Tecniche e Tecnologia (biennio)…poi si è passati alle materie specifiche e lì molti di noi hanno scoperto la loro strada, il loro futuro…senza la forzatura dell’obbligo della vita universitaria, io e altri compagni abbiamo proseguito negli studi universitari (normalmente ingegneria), ma tanti altri oggi lavorano alla micron e in multinazionali! Questo è il beneficio dell’ITI ma c’è sempre quel velo d’ignoranza in chi dovrebbe consigliare durante le scuole medie! Oggi che sono laureato in ingegneria e seguo da vicino le evoluzione dell’ordine dei periti posso garantire che c’è un ritorno al passato e molti al governo stanno puntando molto sull’istruzione tecnica, tanto che da quest’anno abbiamo, in qualità di periti industriali, avviato un progetto “ponte”, che traghetti i giovani maturandi alla scelta migliore dopo il conseguimento del titolo, indirizzo universitario e tirocinio alternanza scuola lavoro e universitario! Le iscrizioni aumenteranno certamente, sono ottimista! (Giuseppe Florino)

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...