Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Società e Costume

Emigrazione e Immigrazione


Più si invecchia e più si pensa meno a se stessi e di più ai giovani. Abbiamo l’ennesimo governo fuffa che invece di pensare a loro si preoccupa degli immigrati. Abbiamo finito coi mediatici bombardamenti covid e riprendono quelli sugli immigrati: E i nostri giovani? E la prospettiva di una vita migliore? Li cresciamo, li educhiamo, facciamo di tutto per dare loro (nonostante gli stipendi da fame del corpo docente e le scuole e gli ospedali fatiscenti dove si fa prima a morire che a farsi curare) migliori prospettive adeguati alle loro capacità e competenze acquisite e tutto questo per cosa? Per farli morire di fame, farli lavorare come schiavi con altrettanti miserevoli stipendi.

Privatizziamo scuole ed ospedali per rifocillare chi sta bene e può permettersi le cliniche private, le scuole private. Introduciamo un “pretestuoso” merito che favorisce solo i figli di… assicuriamo il lavoro ai figli di… Mentre i nostri figli, quelli che realmente SOGNANO IN GRANDE, hanno solo un’alternativa per realizzare i loro sogni e le loro ambizioni: EMIGRARE. Così i soldi, i sacrifici che le famiglie hanno fatto per far raggiungere loro le famose hard e soft skill (forse detto in inglese fa più effetto), quelle che sono le “otto competenze chiavi definite dall’Unione Europea” ed adottate nei programmi di tutte le scuole, di ogni ordine e grado, per intenderci, finiscono con l’essere “INVESTIMENTI” , CAPITALI, GUADAGNI per gli altri paesi. Perché tutto ciò che abbiamo seminato, per cui abbiamo lavorato alla fine decide di lasciare il Paese e andare a lavorare all’Estero dove gli vengono riconosciuti i meriti e i guadagni sono adeguati alle loro reali capacità e competenze.

All’estero si formano la loro famiglia tradizionale, quella che la destra dice di voler tutelare e salvaguardare come se fosse un PATRIMONIO IMMOBILIARE. All’estero cresceranno i nipoti e i figli, col passare del tempo verranno a trovarvi sempre meno e si rischia di rimanere soli e dimenticati in questa Patria che è Madre-Matrigna per colpa di politici incapaci di fare il loro DOVERE: Occuparsi del BENESSERE REALE DEI CITTADINI che li hanno votati.

Ma voi continuate a preoccuparvi di chi, non avendo avuto concesso un regolare visto di ingresso (poi dovete dirmi perché chi viene dall’America Latina entra senza visto) tenta la morte sui barconi.

Scendete in piazza e urlate per difendere i VOSTRI FIGLI, dannazione! Facciamo almeno questo ultimo DOVERE verso loro, dopo che li abbiamo messi al mondo!

Il Presidente Mattarella l’ha detto chiaramente: ” “Sono i giovani a partire, riflettere sulle cause”… L’emigrazione dei giovani è aumentata dell’87%

Il governo della Destra che fa solo azioni di distrazioni di massa non sarà MAI AMATO DA ME!

Non agirà mai in MIO NOME fino a che non si occupa dei nostri figli, dei nostri ragazzi e di TUTTA LA POPOLAZIONE!

#AngeliKaMente

Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

Se questo è un uomo


LAMPEDUSA – Venti giorni appena. L’ultima vittima del Mediterraneo trasformato in fortezza è un neonato. Ed è morto di freddo. “Li abbiamo visti arrivare tutti inzuppati, tremanti”, dice il dottore Francesco D’Arca, responsabile del poliambulatorio di Lampedusa. “La mamma, una ragazza ivoriana giovanissima, di diciannove anni, ci ha raccontato che il piccolino già stava male prima della partenza, voleva raggiungere l’Italia per farlo curare”.

Ed invece, quando la motovedetta attorno all’una di notte è arrivata in porto con a bordo i naufraghi salvati su tre barchini intercettati al largo, ad accoglierlo c’era solo una bara bianca, che lo aspettava al molo Favaloro di Lampedusa. L’ennesima che si andrà ad impilare nella camera mortuaria dell’isola, dove già riposa la donna di quarant’anni che ieri ha lottato per la vita fino alle coste e per lungo tempo sono rimaste le vittime dei naufragi delle scorse settimane.

Neonati uccisi dall’esplosione del motore sul barchino su cui viaggiavano, due gemelline morte di freddo e di stenti, donne, uomini arrivati solo da morti sulla sponda nord del Mediterraneo. Altri ancora sono stati inghiottiti dalle onde e di loro non è stato trovato neanche un cadavere a cui dare sepoltura…

Sempre più dolorosamente attuale l’eco della poesia, Se questo è un uomo:

“Voi che vivete sicuri

Nelle vostre tiepide case,

Voi che trovate tornando a sera

Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo

Che lavora nel fango

Che non conosce pace

Che muore per un sì o per un no.

Considerate se questa è una donna,

Senza capelli e senza nome

Senza più forza di ricordare

Vuoti gli occhi e freddo il grembo

Come una rana d’inverno.

Meditate che questo è stato:

Vi comando queste parole.

Scolpitele nel vostro cuore

Stando in casa andando per via,

Coricandovi alzandovi;

Ripetetele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa,

La malattia vi impedisca,

I vostri nati torcano il viso da voi.”

P. Levi, La tregua, Torino, Einaudi, 1965, p. 9

Come si fa a non provare pietà per questi “disperati”?

Ma i destrorsi cosa hanno al posto del cuore? Pietre, macigni?

Nella “Vita di S. Antonio di Padova” si riporta un episodio, un “miracolo”, vero o leggenda conta poco, quello che conta è il messaggio:

“In una località della Toscana si stanno celebrando con solennità i funerali di un uomo molto ricco. Al funerale è presente Antonio, che, scosso da un’ispirazione, si mette a gridare che quel morto non va sepolto in luogo consacrato, perché il cadavere è privo di cuore.

I presenti rimangono sconvolti e inizia un’accesa discussione. Alla fine vengono chiamati dei medici, che aprono il petto al defunto. Il cuore non è effettivamente nella cassa toracica e viene poi rinvenuto nella cassaforte dov’era conservato il denaro”.

Meditate gente, meditate su dove avete il vostro cuore.

Articolo su Repubblica

Pubblicato in: Computer e Internet, Dalla parte dei bambini, Notizie e politica, Riflessioni personali, Società e Costume

Giovani, ragazzi, adolescenti su Internet


Genitori, tutelate i vostri figli. Non lasciateli soli davanti a tablet, telefonini e computer.

Una volta si diceva di non lasciarli soli davanti alla TV che era “una cattiva maestra”, come ben diceva Popper… Oggi li si lascia da soli davanti a un mezzo molto più pericoloso: Internet.

Le scuole, sensibili all’argomento e alla “salute” dei futuri cittadini, fanno del loro meglio per metterli in guardia, diverse le iniziative che ogni anno si attuano per sensibilizzare i ragazzi sul cyberbullismo e sui pericoli della rete, che sono tantissimi.

Molti lavorano per aiutarli ad aprire gli occhi, da Generazioni Connesse a Parole O_Stili a Aics Prevenzione Cyberbullismo ma noi docenti sappiamo benissimo come poco può la scuola quando i ragazzi si ritrovano in casa, da soli e senza alcun controllo, così accade di finire nella rete dei pedofili, o nella pratica del Blue Whale Challenge il “gioco” che ha portato al suicidio centinaia di ragazzi tra i 9 e i 17 anni in modo orribile o, ancora, cadere vittima della sindrome Hikikomori (che riguarda i bambini, gli adolescenti e gli adulti sotto i 30 anni).

Parlate coi vostri figli per non leggere più notizie di suicidi o di adescamenti pericolosi, come è accaduto a Daniele, suicidatosi a 24 anni perché aveva scoperto che la ragazza di cui si era innamorato online era in realtà un uomo di 64 anni…

Fate tesoro dell’esperienza degli altri per evitare di doverla verificare personalmente.

#AngeliKaMente

Pubblicato in: Notizie e politica, Riflessioni personali, Società e Costume

Fascista o comunista… (ammesso che abbia un senso il “comunismo” oggi)


E qualcuno oggi mi ha detto che sono “nera” perché condanno l’azione militare di Putin in Ucraina.

Cavolo, ero fascista e non lo sapevo…

Mi hanno dato della fascista quando ero contro i vaccini, perchè anche la salute è un fatto di bandiera e non di avere un altro punto di vista riguardo al sistema sanitario predominante… e io che pensavo che essere di sinistra significasse essere “Libera di fare le mie scelte visto che, dicono, qualcuno mi ha dato il “libero arbitrio” al momento della mia nascita. E il libero arbitrio presuppone che OGNI SINGOLO UOMO è chiamato a rispondere solo delle sue azioni che devono essere improntate sulle basi di una “civile convivenza democratica” . La civile convivenza democratica chiama i cittadini ad essere responsabili in prima persona dei loro comportamenti e non delle “imposizioni”… ma non voglio aprire un altro capitolo.

Nel contingente mi chiedo: Da quando perorare la causa di 45 milioni di persone che si sono svegliati una mattina e hanno trovato l’invasore in casa è “fascismo”?

Fatemi capire. Pensate, credete davvero, che Putin, il guerrafondaio, sia COMUNISTA e di SINISTRA? No, perché se così fosse qui abbiamo un problema serio riguardo alla semantica. O forse ce l’ho io. Anche la Cina è “comunista”, dicono loro, perché eredi di Mao, eppure nessuno stato è più oppressivo e schiavista di quello cinese che reprime i moti di rivolta del popolo costringendolo a lavorare 24h su 24h e senza alcuna tutela sindacale…

Russia, Cina, Corea del Nord, Iran,… vi sembrano paesi “liberi”?

Io associo la parola “Libertà” alla SINISTRA ed ho sempre associato le parole di “schiavitù, servilismo, bavaglio, guerra” alla destra del padrone e del capitalismo.

Ho sempre pensato che fosse giusto e bello cantare “Bella Ciao” le cui parole dicono:

Una mattina mi son alzato

o bella ciao, bella ciao

una mattina mi son alzato

e ho trovato l’invasor.

O partigiano, portami via

o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao

o partigiano, portami via

che mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano

o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao

e se io muoio da partigiano

tu mi devi seppellir.

E seppellire lassù in montagna

o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao

e seppellire lassù in montagna

sotto l’ombra di un bel fior.

Tutte le genti che passeranno

o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao

tutte le genti che passeranno

mi diranno: Che bel fior!

E questo è il fiore del partigiano

o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao

e questo è il fiore del partigiano

morto per la libertà.

Possibile che questo sia diventato il canto dei fascisti?

Gli abbiamo ceduto anche questo, oltre al potere e al diritto di massacrare?

Vi prego, non svegliatemi dal MIO sogno…

Voi pensatela come credete.

#AngeliKaMente… Buongiorno…

Pubblicato in: Citazioni, Notizie e politica, Riflessioni personali, Società e Costume

Guerra e Pace


“Quanto maggiore appare la necessità, tanto minore appare la libertà. E viceversa.”

Una sconfitta della Russia significherebbe la fine della Russia, di Putin e della sua corrotta politica. Ed è un esito che un megalomane suo pari difficilmente potrà accettare.

Come finirà? Riuscirà a salvarsi la faccia?

La Storia ce l’ha insegnato come finiscono in occidente, dove il pensiero liberale e democratico è nel nostro DNA, i dittatori e le dittature…

Ce lo insegna la nostra storia italica: dai moti di Palermo contro i francesi, ai moti napoletani capeggiati da Masaniello contro gli spagnoli. Dalle cinque giornate di Milano contro gli austriaci alla lotta partigiana contro i nazi-fascisti.

L’orgoglio di appartenere a una Nazione, la fierezza nella Bandiera Nazionale non stridono, come vogliono i populisti di destra, con l’ adesione a una Unione di Popoli sotto l’egida della Pace e della Libertà individuale e nazionale.

Pace e Libertà sono un’ossimoro in quegli stati dove il popolo soggiace alla legge delle armi, degli arresti di massa, alla censura e dove il popolo è costretto a chinare le spalle e la testa.

C’è una Ragione superiore che la misera ragione materialista, basata sugli interessi personali e megalomani, non potrà mai sottomettere ed è quella dettata dall’ Amore.

Quella che un folle ci ha detto di seguire tremila anni fa e l’Amore è Pace e non Guerra (#AngeliKaMente, urlo BASTA… basta sangue, morti, schiavi, sorprusi e violenze)

“La guerra è un atto contrario alla ragione umana e a tutta la ragione umana.” (Lev Tolstoj)

Pubblicato in: Notizie e politica, Riflessioni personali, Salute e Benessere, Società e Costume

Vaccino si, vaccino no


L’errore più grande del Governo (italiano e degli altri stati) è stato quello di etichettare gli individui come no vax vs si vax . Questo ha portato a due schieramenti, a due fazioni che si insultano, denigrano e si fanno la guerra.

Un Governo, retto da persone sagge e intelligenti e che vogliono il bene di TUTTI i cittadini, non dovrebbe MAi creare un tale clima tra i suoi governati.

Mi chiedo chi viene a beneficiarne, cui prodest?

Non è vero che tutti coloro che non si vaccinano siano ignoranti, stupidi e che non hanno a cuore il bene della collettività.

Questo è quello che vuol far credere un Governo di incapaci.

Certo, ci sono tanti ignoranti in Italia e nel mondo, l’analfabetismo funzionale appartiene a tutti, però, vaccinati e non vaccinati. Smettiamola con questa falsa propaganda mediatica.

Chi si vaccina non è più intelligente e non è vero che si preoccupa di più degli altri, chi si vaccina lo fa in primis per se stesso, perché ha paura di finire intubato.
Chi non si vaccina non può mettere a rischio un vaccinato, dire questo significa confermare l’inefficacia dei vaccini (e in molti casi è così…)

Basta con l’ìipocrisia e con il finto buonismo!

Poi, a questa multiforme varietà di pensieri, a queste narrazioni che si vogliono far passare come la sola verità e che continuano a circolare perché ormai la popolazione è inebetita(da una parte e dall’altra), prendiamo atto che ci sono individui che pensano che il modo di affrontare il problema sia completamente sbagliato. Che a un “vaccino di massa”, sparato alla cieca come un insetticida in un campo di grano, o in un qualsiasi altro orto o giardino, sia preferibile una cura specifica e mirata solo verso chi ne ha veramente bisogno.

Basta solo soffermarsi a riflettere sul “perché” il virus prima, e il vaccino poi, non abbia su tutti gli individui lo stesso effetto.

Abbiamo i positivi asintomatici, quelli che si ammalano e guariscono come se avessero avuto una semplice influenza, quelli che si ammalano e guariscono ma trascinandosi dietro trascichi pesanti e…chi muore. Idem i vaccinati: una percentuale a cui sembra che sia stata somministrata solo acqua, altri con sintomi lievi, altri con sintomi gravi e altri fanno ritorno al creatore. Poi ci sono quelli che, in famiglia, hanno un congiunto positivo e loro continuano ad essere negativi e quindi non contagiati dal coniuge, dal figlio, dal genitore.

Questo conferma la teoria medica omeopatica, ad esempio, che poi non è una verità ascientifica: Non usciamo da una fabbrica come un modello tecnologico ma veniamo al mondo con un ricco e ben distinto DNA, individuale e personale.

L’idea di omologare tutti è questo che mi fa accapponare la pelle.

È vero che, un atteggiamento sconsiderato della maggior parte della popolazione ha vanificato i mesi in cui siamo stati tutti tappati in casa ma questo non giustifica quello che si ostinano a chiamare “immunità di gregge”, che non ci sarà mai primo per i motivi suddetti, secondo perché, per avere una vera immunità di “gregge” si dovrebbero inoculare i vaccini a settemiliardi di persone a tutti nello stesso momento e non a 10-20-30 al giorno (considerando che questi vaccini hanno la scadenza, come un qualsiasi prodotto alimentare, e la perdita di efficacia nel tempo. Così come è semplicemente ridicolo dare la scadenza, per legge, a un pezzo di carta che dura più del vaccino, oltretutto).

La domanda è giusta, è la risposta al problema che è sbagliata. E al governo o ci prendono per scemi o per… marionette. Tertium non datur.

Poi non parliamo del caos che hanno fatto quando sono comparsi i vaccini: Prima solo ai sanitari e ai vecchi… Poi a quelli a rischio. Poi solo dai 50 in su… Poi sotto i 50… Fino a coinvolgere anche i minorenni.

Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Salute e Benessere, Società e Costume

Il corona virus è come l’oroscopo?


La percezione che ho io è che il Governo ce la stia mettendo tutta per venire incontro a tutte le voci della piazza. Anche quando queste sono discordanti e contraddittorie.

Sappiamo benissimo che molti, in piazza, hanno fatto fatica e faticano a collegare i neuroni. Mai vista tanta incoerenza come in questi tempi di pandemia. I provvedimenti, infiniti, sono stati presi e su tutti i fronti per accontentare tutti e c’è chi ne ha usato ed abusato di questi DPCM.

L’unico che se ne è fatto un baffo è il virus e questo NON perché il Governo è stato incapace, ma perché noi siamo stati incapaci di adeguarci a un diverso modus vivendi.

In estate, come hanno aperto le stalle tutti abbiamo festeggiato e questi sono i risultati. Io non penso che ci fossero meno positivi in estate, penso che ce ne fossero moltisismi, ed è allora che avrebbero dovuto fare i tamponi a tutti. Dopo aprire le stalle e far uscire i buoi.

Hanno detto che molti l’hanno importato dal rientro delle vacanze. Hanno rivoluto le frontiere aperte…

Non so.

Non sono così categorica nell’addossare al Governo parte, grandissima, della responsabilità che è solo nostra (una per tutte i vari assembramenti e le varie manifestazioni elettorali, di negazionisti e di gente arrabbiata che, accecata dalla rabbia non ha calcolato i rischi che correva).

Non penso che al Governo faccia piacere vedere un Paese “immobilizzato”. A meno che non siamo in mano a burattinai che vogliono fare di noi dei burattini (come molti dicono) e distruggere un Paese…

Però mi chiedo: Siamo disponibili ad essere maneggiati come un burattino?

Io no… e sono in cerca del giusto mezzo…

Il giusto mezzo mi dice che, corona virus si – coronavirus no, volendo ascoltare e dare ragione a tutti, è come con l’oroscopo: Può anche non essere vero ma nel dubbio IO ci credo e mi comporto di conseguenza.

Nell’ambito della scuola e delle amministrazioni locali, stendiamo un velo pietoso sopra.

No, io non me la sento di addossare tutta la responsabilità al Governo.

Troppi cialtroni, troppi “esperti”, troppi galli a fare chicchirichì…

A me quello che fa rabbia è dover tornare con la DaD.

Amo tutto ciò che è tecnologia e informatica… Ma penso che, come ogni cosa, va presa a giuste dosi… omeopaticamente.

Pubblicato in: Dalla parte dei bambini, Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Salute e Benessere, Società e Costume

Corona virus: facciamo il punto.


I primi pazienti hanno dovuto affrontare l’attacco di un virus nuovo, sconosciuto al nostro corpo e sconosciuto alla medicina tradizionale.

Hanno dovuto fare i conti con terapie “tampone” con cui i medici provavano ad arginare la virulenza dell’infezione.

Come per ogni virus, per un paziente con evidenze cliniche importanti ce ne sono tanti altri che possono essere asintomatici.

In un’indagine statistica sulla pericolosità del virus questo conta molto.

Se poi la popolazione non viene protetta ma addirittura esposte al contagio le categorie a rischio è ovvio che si scatena l’Apocalisse….

Alla luce di ciò, affermare che si è sbagliato a imporre il lockdown, che il Governo non ha rispettato la Costituzione imponendoci il coprifuoco il passo è lungo, non credete?

Tra l’isteria dei tanti e l’esaltazione dei molti c’è la ponderazione.

Negare la virulenza e la capacità di propagarsi del virus, specialmente vista l’asintomaticità di molti soggetti, è questo che per me è irrazionale. Dire è in circolazione da agosto(cosa che circola sui social ed è tutta da appurare) ce ne vuole.

Abbiamo contato i medici e gli infermieri morti (risulta che siano morti dottori quando si è ricoverato un paziente con una semplice polmonite? Anche mia madre l’ha avuta più di 40 anni fa. Nessun medico o infermiere che l’ha curata è morto. Nessun paziente ricoverato con lei si è contagiato…)

Adesso si. Le bare le abbiamo viste tutti e se è accaduto non è certo stato per una semplice polmonite. Il ceppo del covid si trova in tutte le influenze stagionali ma non certo con centinaia di degenti in terapia intensiva, in ospedali dove mancavano i ventilatori (occorre ricordare gli ammalati spediti a Palermo o in Germania dalla Lombardia?)

Gli eccessi sono deleteri.

Tra il chiudiamo tutto e l’apriamo tutto penso che la decisione presa sia stata la più saggia: lasciamo aperti solo i servizi essenziali: cibo e medicine.

Gli italiani alla fine hanno imparato anche a farsi il pane in casa.

I genitori hanno scoperto il piacere di stare coi figli e i figli il piacere di vedersi i genitori accanto.

Certi sapori, certi odori, certe emozioni che erano state dimenticate sono riaffiorate.

Gli italiani hanno ritrovato sensazioni che avevano perso.

Allora pensiamo a questo.

Abbiamo imparato cosa conta davvero nella vita e non è certo la cena al ristorante, la movida o le passeggiate e le spese compulsive al centro commerciale le cose che occorrono per colmare il vuoto esistenziale.

La distanza peggiore la viviamo ogni giorno quando ci alziamo ed ognuno se ne va per la propria strada incurante di chi gli passa accanto. Con gli occhi e la mente fissa al lavoro, al guadagno e non ci si accorge neanche di come è vestita la moglie, il marito…

Dei progressi che giorno per giorno fanno i figli a scuola.

Le acque del mare, dei fiumi, dei laghi sono tornate limpide.

Gli animali sono tornati a camminare indisturbati anche in città.

Il cielo si è fatto più terso.

L’aria più pulita e respirabile.

La Natura si è ripresa i suoi spazi.

Questo lockdown è servito per depurare la Natura e lo Spirito di chi non ha avuto paura a restare da “solo”.

Allora, smettiamola con le polemiche sterili solo per tirare acqua al proprio mulino alimentando il malcontento. Il virus ha rallentato la sua corsa, è diventato meno virulento, questo è quello che conta e non sarebbe accaduto se avessimo continuato a fare come se non stesse succedendo nulla.

Ricordiamocelo: Oltre NOI ci sono gli ALTRI.

Manteniamo la calma e usiamo la ragione… a prescindere.

Pubblicato in: Dalla parte dei bambini, La Scuola vista da me, Notizie e politica, Società e Costume

Scuole aperte a luglio?


Massimo Bray, Francesco Luccisano, Maria Latella, Maurizia Iachino, Alessia Mosca… in meeting… Ora…
Spiace dirlo ma mi sembra che molti di loro vivano “fuori” dal mondo della scuola.
La Scuola NON è un babysitteraggio! I docenti NON sono i genitori! Ma di cosa parla Luccisano?
“Gli insegnanti a casa a stipendio pieno” è la ciliegina sulla torta! Inviterei Luccisano a casa mia per vedere come sto a pancia all’aria! Vergogna!
Applausi a Massimo Bray, usiamo testa e cervello. Non solo cervello.
Molti insegnanti si sono trovati completamente impreparati davanti a questa situazione, ma non è questo il momento di recriminare. Penso che anche i meno preparati si siano rimboccati le maniche, per usare un eufemismo ,e ce la stiano mettendo tutta per adempiere al proprio dovere: Garantire la prosecuzione dell’anno scolastico.
Trovo sterile ogni discussione del protrarsi fino a luglio delle lezioni in un momento in cui cerchiamo di fare del nostro meglio per “guadagnarci” il misero stipendio. Il nostro lavoro è silenzioso, scivola tra le pareti delle nostre case e occupa le case dei nostri alunni. Non abbiamo l’onore della cronaca quando lavoriamo sodo (mentre quando si tratta di condannarci siamo tutitti a darci addosso) so che sono altre le esigenze primarie del Paese in questo momento: piangere i morti, guarire tutti quelli che sono ricoverati, evitare di essere trasmettitori a nostra volta… Ma non posso accettare che si denigri il nostro lavoro e non gli si riconosca il giusto merito. Gli sforzi che stiamo facendo per garantire a TUTTI gli alunni pari opportunità. (internos, caro Luccisano, un cellulare oggi ce l’hanno tutti e lo stanno usando! Per chi conosce la didattica a distanza, un docente preparato, sa come arginare i gap e le falle sociali!)) Sono stati stanziati dei soldi per le famiglie meno abbienti: Ma dove prendono i soldi e dove vanno a spenderli per comprare ORA, subito, un device e una connessione a internet? In questi trent’anni il baratro che si è creato tra i ceti meno abbienti e i “borghesi” si è rafforzato con tutte le politiche scellerate dei governi che abbiamo avuto. Se finora ne abbiamo lamentato le defaillance solo negli ambienti ristretti delle aule (così come i preti predicano solo in Chiesa) adesso tutti i nodi irrisolti sono venuti al pettine e si chiede, ancora una volta… per la centesima volta… che noi docenti tappiamo i buchi del Malgoverno..

A questo mi ribello!

Pubblicato in: Notizie e politica, Riflessioni personali, Salute e Benessere, Società e Costume

#Corona virus


Finora non mi sono pronunciata sul #coronavirus né ho inveito, come hanno fatto e continuano a fare molti, contro il Governo ladro e incapace.

Seguo le vicende da lontano.

Leggo opinioni di questo e di quello.

Tutti bravi a criticare. Tutti esperti epidemiologici, tutti infettivologhi, tutti informati sul Sistema Sanitario.

Non ho nessuna competenza al riguardo per cui mi affido alle decisioni di questo Governo, da cittadina rispettosa della Legge cerco di osservarla con responsabilità e diligenza.

Non sono spaventata dal virus, il mio fatalismo non comprende l’ allarmismo personale. So di essere un soggetto vulnerabile ai virus influenzali, in casa dicono che prendo il raffreddore 14 mesi all’anno…

Non di meno continuo ad essere stanca di vedere video e post che mi vengono inviati e tutti negativi… complottisti… rabbiosi.

In Sicilia si dice: Chianciri u mottu su lacrimi pessi…(piangere il morto sono lacrime perse).

Si piange per il dolore della perdita che potrebbe scoppiarci in petto. Non si piange per chi è andato via. Né continuare a recriminare su ciò che NON si è fatto può resuscitare i morti. L’irresponsabilità non è solo del Governo ma dell’ infantilismo italico che in questi momenti si tocca con mano. Da quelli che scappano riempiendo i treni senza alcun accorgimento a quelli che se ne vanno in vacanza in Trentino e tornano a casa senza osservare la quarantena. Di gente che da Milano si sposta a Roma nonostante da giorni TUTTA l’Italia è ZONA ROSSA.

Di gente che se ne va a passeggio senza rispettare neanche la distanza di sicurezza.

Vogliamo CRESCERE? Vogliamo accettare le decisioni prese dal Governo? Avremo tempo di sollazzarci con le recriminazioni quando il Paese sarà tornato alla normalità.

Ora è tempo di SILENZIO nel rispetto di chi lotta ogni giorno, da paziente o da personale sanitario, da poliziotti o da addetti alla catena alimentare per garantirci il cibo, e i farmaci, necessari.

È tempo di riflessioni e di cautelarci, TUTTI. Per la salute nostra e dei nostri cari.