Pubblicato in: Dalla parte dei bambini, Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Salute e Benessere, Società e Costume

Corona virus: facciamo il punto.


I primi pazienti hanno dovuto affrontare l’attacco di un virus nuovo, sconosciuto al nostro corpo e sconosciuto alla medicina tradizionale.

Hanno dovuto fare i conti con terapie “tampone” con cui i medici provavano ad arginare la virulenza dell’infezione.

Come per ogni virus, per un paziente con evidenze cliniche importanti ce ne sono tanti altri che possono essere asintomatici.

In un’indagine statistica sulla pericolosità del virus questo conta molto.

Se poi la popolazione non viene protetta ma addirittura esposte al contagio le categorie a rischio è ovvio che si scatena l’Apocalisse….

Alla luce di ciò, affermare che si è sbagliato a imporre il lockdown, che il Governo non ha rispettato la Costituzione imponendoci il coprifuoco il passo è lungo, non credete?

Tra l’isteria dei tanti e l’esaltazione dei molti c’è la ponderazione.

Negare la virulenza e la capacità di propagarsi del virus, specialmente vista l’asintomaticità di molti soggetti, è questo che per me è irrazionale. Dire è in circolazione da agosto(cosa che circola sui social ed è tutta da appurare) ce ne vuole.

Abbiamo contato i medici e gli infermieri morti (risulta che siano morti dottori quando si è ricoverato un paziente con una semplice polmonite? Anche mia madre l’ha avuta più di 40 anni fa. Nessun medico o infermiere che l’ha curata è morto. Nessun paziente ricoverato con lei si è contagiato…)

Adesso si. Le bare le abbiamo viste tutti e se è accaduto non è certo stato per una semplice polmonite. Il ceppo del covid si trova in tutte le influenze stagionali ma non certo con centinaia di degenti in terapia intensiva, in ospedali dove mancavano i ventilatori (occorre ricordare gli ammalati spediti a Palermo o in Germania dalla Lombardia?)

Gli eccessi sono deleteri.

Tra il chiudiamo tutto e l’apriamo tutto penso che la decisione presa sia stata la più saggia: lasciamo aperti solo i servizi essenziali: cibo e medicine.

Gli italiani alla fine hanno imparato anche a farsi il pane in casa.

I genitori hanno scoperto il piacere di stare coi figli e i figli il piacere di vedersi i genitori accanto.

Certi sapori, certi odori, certe emozioni che erano state dimenticate sono riaffiorate.

Gli italiani hanno ritrovato sensazioni che avevano perso.

Allora pensiamo a questo.

Abbiamo imparato cosa conta davvero nella vita e non è certo la cena al ristorante, la movida o le passeggiate e le spese compulsive al centro commerciale le cose che occorrono per colmare il vuoto esistenziale.

La distanza peggiore la viviamo ogni giorno quando ci alziamo ed ognuno se ne va per la propria strada incurante di chi gli passa accanto. Con gli occhi e la mente fissa al lavoro, al guadagno e non ci si accorge neanche di come è vestita la moglie, il marito…

Dei progressi che giorno per giorno fanno i figli a scuola.

Le acque del mare, dei fiumi, dei laghi sono tornate limpide.

Gli animali sono tornati a camminare indisturbati anche in città.

Il cielo si è fatto più terso.

L’aria più pulita e respirabile.

La Natura si è ripresa i suoi spazi.

Questo lockdown è servito per depurare la Natura e lo Spirito di chi non ha avuto paura a restare da “solo”.

Allora, smettiamola con le polemiche sterili solo per tirare acqua al proprio mulino alimentando il malcontento. Il virus ha rallentato la sua corsa, è diventato meno virulento, questo è quello che conta e non sarebbe accaduto se avessimo continuato a fare come se non stesse succedendo nulla.

Ricordiamocelo: Oltre NOI ci sono gli ALTRI.

Manteniamo la calma e usiamo la ragione… a prescindere.

Pubblicato in: Dalla parte dei bambini, La Scuola vista da me, Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

Libertà ed emancipazione


La grande Maria Montessori aveva un concetto personalissimo nel definire la Libertà. Che non è quella del lasciar fare al bambino ciò che vuole bensì nel renderlo autonomo ed autosufficiente. Lei diceva che bisognava educare il bambino al “selfcontrol” concetto che io, quotidianamente, spiego ai miei piccoli alunni.
Oggi, molti adulti, devono tornare sui banchi di scuola per capire il vero senso della parola “Libertà”…
La scuola del permissivismo, del tutto è concesso, figlia anche di quel senso di colpa vissuto dai genitori che per lavoro dedicano poco tempo ai figli, ha portato ad avere una generazione con poca, o debole, spina dorsale.
La Libertà di cui parla Maria Montessori racchiude dentro di sé un principio sia Etico che Psicologico.
La vera Libertà nasce da una educazione impartita “costruendo” l’ambiente educante in cui il bambino esperisce le sue capacità e si sforza di superare i suoi limiti sotto l’occhio vigile ed attento dell’ insegnante.
Quindi, non un bimbo da imboccare, che porterebbe ad avere un adulto bamboccione, ma un bambino che si alimenta da solo, step by step, giorno dopo giorno.
Non un bambino che delega ma un bambino che sperimenta e vive con gioia la sua crescita.
Ogni piccola conquista lo gratifica e accresce la sua autostima rendendolo orgoglioso nel dire:-“Ho fatto da solo!”.
Ecco la vera Libertà…
L’emancipazione dalla schiavitù.
Oggi abbiamo adulti-bambini che pensano che lo Stato debba sopperire alla figura genitoriale perché incapaci di decidere da soli e, come figli capricciosi, fanno l’elenco dei giocattoli che devono trovare sotto l’albero.

Pubblicato in: La Scuola vista da me, Notizie e politica, Organizzazioni, Scuola, Società e Costume

La scuola non si ferma


Onore ai medici e agli infermieri che si stanno dedicando anima e corpo ai pazienti infetti (oltre a quelli che ogni giorno affollano i nostri ospedali per le più disparate tipologie patologiche) ma permettetemi di tirare un po’ di acqua anche al mulino di un’altra bellissima professione. Quella del docente.

In questo momento in Italia migliaia di insegnanti si stanno occupando dei “gioielli” migliori che una società possiede: i giovani e i bambini. E lo fanno oltre il loro orario contrattuale, aggiornandosi, preparando le lezioni coi mezzi più disparati messi a disposizione dalle nuove tecnologie didattiche: i computer.

Registri virtuali, #didatticaadistanza, multiconferenze, preparazione delle lezioni in word, pages, power point, keynote, LIM richiedono ore ed ore di ricerca per confezionare e strutturare lezioni accattivanti e allettanti per i piccoli come per i grandi.

Siamo “SMART”(SMART è un acronimo per Specific, Measurable, Accepted, Realistic, Timely e indica i criteri per la formulazione di un obiettivo, che deve quindi essere Specifico, Misurabile, Riconosciuto, Realistico e Scadenzabile) e lavoriamo in co-working ma nessuno ne parla.

I docenti italiani stanno facendo un lavoro che non è da meno.

Senza venir meno alla loro “missione” si prendono cura, giornalmente, non degli ammalati fisici ma di quelli ben più profondi: quelli psicologici e culturali delle future generazioni.

Il #coronavirus non interrompe, né annulla, l’azione educativa e formativa dei docenti che è continua ed in itinere.

Onore quindi alle Maggiori Istituzioni che un Buono Stato eroga ai suoi cittadini:

Sanità ed Istruzione.

Onore a noi colleghi di tutta Italia per il lavoro che stiamo svolgendo perché #lascuolanonsiferma.

Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

Riapriamo le case di cura


Ma se tutte le teste di kaiser destinassero i miliardi che danno ai signori della guerra per la sanità. la scuola. la povertà, non pensate che il mondo sarebbe un Paradiso terrestre?

Abbasso TUTTI i populismi, i sovranisti, i nazionalisti… Sono loro che nutrono le vipere che giacciono in ognuno di noi! Sono loro che alimentano gli industriali delle armi e sono questi industriali che seminano la Morte, le inimicizie, le discordie. La loro avidità e la loro bramosia. Non posso essere e NON sarò MAi una simpatizzante della Destra che va dai fascio-leghisti a CasaPound, in Italia, e dai conservatori agli integralisti altrove. Per me loro sono, e saranno sempre, gli aguzzini al soldo dei veri signori del Mondo” Gli ARMAIOLI..

Miseri mercenari che vivono alimentando odio e paura, sentimenti naturali in ognuno di noi, ma che diventano paranoia grazie alla loro subdola e becera propaganda di guerrafondai. Vigliacchi che si fanno forti nel branco e con i mitra in mano…

Il tycoon americano dice che lui ce l’ha più grosso e più grande di tutti: l’esercito. Che ha speso miliardi per averlo più grosso, e io non posso fare a meno di pensare.

Truce, con i tuoi miliardi quanti americani potrebbero godere di cure mediche e sanitarie? Invece la vostra politica mercenaria che vive sulla sanità privata, sulle università delle elite e sul prestigio delle vostre industrie si arricchisce sempre di più a discapito dei milioni di americani indigenti.

E tu, Khamenei, che finanzi la ricerca per avere più armi nucleari, e insieme a te i tuoi amici arabi che finanziano i jiadisti, e continuate a bombardare la popolazione civile e la tenete sottomessa, anche voi, come i nostri politici occidentali, con la paura coranica, anche voi siete capaci di capire l’orrore che perpetrate ai danni dell’umanità e dei vostri fratelli?

Possibile che l’Odio che avete dentro al petto vi accechi al punto tale da non vedere l’indigenza a cui costringete il vostro popolo?

Ma perché non ve ne andate in psicoanalisi tutti quanti una volta e per sempre?

Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

Apocalypse now


Ogni tanto qualcuno si sveglia e dopo aver ricevuto aiuto dall’occidente la popolazione si ritrova con Gheddafi, Saddam… Erdogan… Dire che i curdi subiscono la stessa sorte dei palestinesi è azzardato? Dire che dietro tutto questo c’è il controllo del gas e del petrolio è fantascientifico?

L’America ha il peggior Presidente di tutta la sua gloriosa Repubblica Democratica.

Il popolo russo sotto il cappio della dittatura putiniana.

La Cina con un governo capitalistico che sfrutta e lede i diritti dei lavoratori.

Bolsonaro che sostiene gli incendi in Amazzonia.

Venezuela e Argentina in bancarotta.

In Africa uno stato si e l’altro pure vittima di lotte intestine…

L’Italia lacerata tra destra e sinistra e solo per non perdere i privilegi quando non si capisce che i tempi delle vacche grasse sono finite da un pezzo…

Nella Chiesa Cattolica, correnti sotterranee, legati alla casta porporata, attentano a uno scisma targato terzo millennio.

L’Europa dobbiamo andare a Chi l’ha visto per sapere dove è finita.

Tutto sembra che sia già stato scritto e la trama è immodificabile…

Apocalypse now…

Non so voi, ma io giuro che non vorrei mai più leggere un giornale e vorrei mandare tutti i fans di tutti i partiti a a una bella seduta sul WC di casa… senza alzarci più…

Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

Sinistra e Destra, ovvero Democrazia vs Capitalismo finanziario


Bando alle ciance, per me la politica si divide in gente che lavora e produce, secondo la teoria marxista e gente che vive sfruttando quelli che producono. Questa è la differenza tra Sinistra e Destra, tra Democrazia e Capitalismo Finanziario.

Per me, uno che ha il rolex e l’ appartamento a Manhattan se sta dalla parte dei deboli, e lotta per una società più giusta, equa e solidale NON è un radical chic ma solo una persona che segue l’insegnamento cristiano, anche se è ateo. Perché preoccuparsi degli altri, dire “I care”, secondo il motto di Don Milani, è il Valore imprescindibile per cui veniamo al Mondo. Chi, invece, vive all’ombra dei “potenti”, di quelli che comandano, che hanno il conto in banca chinando la testa e mettendosi a 90° per garantire ai Capitalisti di continuare a sfruttarli vota a Destra. Punto… doppio punto e Basta!!!

Il resto sono chiacchiere, mera dialettica speculativa, per non abolire la schiavitù dei meno abbienti e tenerli sottomessi.

[#AngeliKaMente pensiero sociologico]

Su internet ho trovato un pensiero che mi sento di condividere a firma di un certo Gaetano Paglialonga –

Collepasso, 9/3/2013:

-“Quindi, tutti coloro che spremono le loro meningi per cercare una strada da percorrere per salvare capra e cavoli, e cioè l’accumulazione capitalista e la democrazia dei diritti, risultano patetici. Si chiamino riformisti o progressisti, questi, sono destinati a girare a vuoto, a illudere le masse di lavoratori. Ai lavoratori e ai pensionati, penso e dico, che se gli interessa la democrazia, se vogliono difendere i propri interessi, se esigono uno stato sociale degno di una società avanzata, se vogliono riconquistare diritti e dignità di lavoratori, intanto dovrebbero difendere con le unghie e i denti ogni giorno, ogni ora della loro vita la democrazia, sia sul posto di lavoro che nel territorio di appartenenza. Perché c’è sempre pronto qualcuno che lavora per demolire sia la democrazia che i diritti dei lavoratori e dei pensionati, ed ha interesse a demolire ciò, in quanto non è funzionale ai suoi famelici interessi. Solo una sana e robusta rivolta contro questo sistema disumano ed egoista, che sappia sfociare però in un sistema alternativo al capitalismo, potrà salvare e salvarci tutti da un declino del sistema che avanza inesorabile. Periodo, questo, che sto vivendo con tanta apprensione da pensionato, sempre impegnato politicamente”.-

(Tutto l’ articolo è pubblicato qui: http://www.collepassosx.com/il-capitalismo-e-incompatibile…/)

Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

Libero uomo, in libero mondo


Un uomo è davvero Libero quando può liberamente muoversi per trovare un posto dove vivere, lavorare e realizzarsi. Chi attenta a queste Libertà è solo un criminale nazista… e sarà la Storia a condannarlo.

Iniziamo a concedere regolari permessi di ingresso a chi viene da ogni Paese, senza discriminazioni di stati e nazioni, e vedrete come non arriveranno più barconi di disperati e come NON ci saranno più morti in mare…

[#AngeliKaMente pensiero]

Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

Bonifichiamo il Paese


Aver fatto le “Case del popolo” è stata l’idea “più pessima” che un capoccione avesse potuto avere.

Ha creato i ghetti che col tempo sono diventati luoghi inaccessibili anche alle forze dell’ordine…

Come si può pretendere di sconfiggere la delinquenza, la malavita organizzata, la prostituzione (anche minorile), lo spaccio in interi rioni, quartieri malfamati, se questi sono il covo dell’ignoranza e dell’abbandono scolastico?
Se la “Sinistra” vuole iniziare a fare qualcosa per il popolo è da lì che deve partire.

Da questi quartieri che qui in Campania, in modo particolare, sono la vera piaga sociale e culturale.
Lavoro in Italia ce n’è tantissimo per tutti, altro che RdC, flat tax e f(l)att allà…
Rimbocchiamoci le maniche e “bonifichiamo” il Paese…

Pubblicato in: Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

La discendenza di Caino non si estingue



290 morti

500 feriti

i numeri dell’Odio che ogni giorno si semina nel mondo e che hanno colpito gli abitanti dello Sri Lanka.

Quello che è più raccapricciante in questi attentati è il fatto che l’azione criminale sia stata compiuta “dentro casa”.

Tra la stessa popolazione del Paese.

Così come accade nei vari Paesi del mondo.

Li chiamano “guerre religiose”… Io li definisco guerre fratricide di chi non Rispetta la Libertà degli altri e, come diceva Stefano Gatto​, di quelli che se la prendono sempre con gli ultimi… i diseredati di questa Terra che produce ricchezza solo per una ristretta cerchia di èlite mentre i poveri si massacrano tra di loro.

Diamoci tutti una calmata!!!

Nessuno è superiore a nessuno, né per stirpe, né per religione, né per identità nazionale.

Ciascun individuo ha “Diritto” di vivere la vita che vuole!

Basta coi falsi perbenisti, i finti moralisti. Fermiamo chi vuole dividere il mondo mettendo barriere, chiudendo i porti e impedendo la Libertà dell’individuo di autodeterminarsi…

Costruiamo ponti e non muri, mai come oggi questo motto deve essere la nostra principale ragione di vita.



Pubblicato in: Notizie e politica, Organizzazioni, Riflessioni personali, Società e Costume

Chi sono, oggi, i fascisti


Oggi, per me, fascista è chi chiude la porta in faccia a chi ne ha bisogno e lo fa discriminando sul colore della pelle come una volta lo facevano con gli ebrei, i rom, i gay e i disabili(cosa che si fa ancora oggi)… mandati tutti nelle camere a gas. E ancora oggi, c’è chi grida: “Prima gli italiani” e poi li esclude dal reddito di cittadinanza perché senza tetto, quindi senza fissa dimora, senza residenza.

Gente silente, anime morte, che vivono sotto lo sguardo indifferente degli stessi italiani che li scansano se li vedono per strada a mendicare. Ma loro non votano. Non portano voti agli arraffoni e papponi… a chi volete che importino?
Prima gli italiani... ma solo quelli che vanno a votare.

IPOCRITI, finti perbenisti dei miei stivali…

“Guide cieche che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!… Razza di vipere, come potrete scampare dalla condanna della Geenna”?
[#AngeliKaMente esacerbata]