Pubblicato in: Riflessioni personali

Riuscirà Teseo a trovare il filo di Arianna?


Tempo fa, sui primi blog, andava di moda fare due liste: Cosa amo e cosa odio… A parte che tutti dicevano la stessa cosa, come un copia e incolla, era stucchevole leggere continuamente lo stesso elenco.
Oggi però una non lista la voglio fare io.
Non amo:
Coloro che provano a tenere assoggettate le persone con l’incubo della paura e dell’inganno…
Vedi le “indulgenze plenarie” o quelle “parziali”.
Poi ci si meraviglia che la gente abbia abbandonato le chiese!
Quando l’ UOMO si renderà conto che è lui l’artefice del proprio destino?
Quando comprenderà in pieno la metafora del: Chi semina vento raccoglie tempesta? Quando ognuno di noi si assumerà le “proprie responsabilità” senza scaricarle sulle spalle degli altri?
Quando gli uomini comprenderanno che una Società Migliore è possibile solo nel momento in cui si lavora uniti per costruire senza distruggere?
Le scienze empiriche hanno scombussolato, mettendo a tacere, quella che è una delle conoscenze “innate” nell’individuo. La capacità di sentire e di vedere attraverso l’intuizione. La capacità di ascoltare e comprendere la vita dei mondi infiniti e sottili.
Gli scienziati, come i religiosi e tutte le altre sette (di colore o di stendardo che dir si voglia) hanno sempre creato e creano dei “modelli” che ben si adattano al loro modo di vedere e leggere il mondo circostante. Tutti gridano a gran voce di essere nel vero. Tutti dicono di aver ragione. Altro che TORRE DI BABELE! L’uomo si è talmente arrotolato dentro le sue idee da rimanerne intrappolato.
Riuscirà Teseo a trovare il filo di Arianna?

Autore:

Docente di Scuola Primaria, specializzata sul Sostegno, ha conseguito il diploma di Counsellor Scolastico (Iscritta al CNCP), si interessa di: Istruzione. Costume e Società. Politica e Religione. Arte e Letteratura. Web e multimedialità. Inseguendo una chimera… Acqua, Vento e Nuvola

2 pensieri riguardo “Riuscirà Teseo a trovare il filo di Arianna?

  1. Non sono tutti così però, soprattutto tra gli scienziati. E’ abbastanza comune trovare chi riconosce che la conoscenza progredisce, sempre, dunque in ciascun momento non può che essere parziale.
    Un salutone! 🙂

    http://www.wolfghost.com

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...